La storia...


La passione per i bicilindrici 4T è cominciata nel 2000, quando ritirai una TL 1000 R incidentata e decisi di prepararla. Non venne male: 135cv alla ruota e 183kg.
La ciclistica, rispetto all'originale, era ottima e il motore, già molto buono in partenza, dava molte soddisfazioni. eppure, nonostante gli avessi tolto ben 35 kg, era ancora pesante. Sono così giunto alla conclusione che per divertirsi in pista 100 cv alla ruota e una buona coppia bastano e avanzano. Quello che conta è il peso e la ciclistica.

Insomma, ero stufo, volevo fare una moto dome dico io, e così arrivai alla supertwin, dove c'è un regolamento molto aperto: 2 cilindri, 4T, 4 valvole fino a 750 cc, 2 valvole e cilindrata libera altre. le moto erano praticamente tutte ducati 900 2V portate a 984 cc: ci voleva qualcosa di nuovo. io volevo qualcosa di leggero e maneggevole come una 250; ma con molta coppia in grado di tirarti fuori da una curva già a 5000 giri.



Così pensai al'SV650; gli amici piloti mi presero un pò per il culo: "con l'SV in Supertwin non riesci nemmeno a qualificarti", e nacquero delle scommesse bizzarre. Ma io avevo già tutto in testa: l'obbiettivo era una Aprilia 250 con qualche cavallo in meno di un 600 e la coppia di un 900, carena gialla (così era riconoscibile subito), telaio e cerchi blu. Sapevo già anche il nome "669" e il numero di gara 69: peccato che ai cronometristi non piacque e ho dovuto accettare il 59. Un'amico pilota (più matto degli altri) accettò di portarla in gara.
Ci trovammo il venerdì mattina prima della gara nei paddock di Vallelunga. Quando la vide mi disse: "caruccia, è un pò gialla ma me piace". Due turni di prove libere, un click alla forcella, 2 click al mono, prove ufficiali, gara: 2° posto assoluto; Ermanno Bastianini e la "669" erano sul podio, un'intero inverno di lavoro aveva dato i suoi frutti e il mio sogno era diventato realtà. Una SV 650 conto i Ducati 1000, la parte più malata del mio cervello lo sapeva già da prima ma la restante parte non ci credeva ancora.
dopo aver finito la stagione (con 5 gare su 6) terzi in campionato non ero ancora soddisfatto. volevo vedere dove si poteva arrivare, quanto conta il peso e quanto i CV, quindi "trofeo di Natale" classe open contro i bolidi con il doppio dei CV: 52 iscritti, 11° classificato.
La scommessa era vinta! Ora attendo che gli amici paghino le cene, passeggino nudi in Piazza S.Carlo e vadano a piedi fino a Lourdes.

Da quel prima anno di soddisfazioni ne seguirono altri fino ad arrivare al fantastico 2005 quando la scuderia Rosmoto si piazza 1° nella classifica finale scuderie e seconda nella classifica assoluta piloti con il grande Cristiano Franco ad un solo punto dal primo...

2002

2003

Rosmoto S. Corse
Bastianini E. #3

3° Scuderie
3° Assoluto

Rosmoto S. Corse
Bastianini E. #3
Moioli #24
Consoli M. #64

2° Scuderie
2° Assoluto
3° Esordienti
5° Esordienti

2004

2005

Rosmoto S. Corse
Bastianini E. #2
Botti P. #15 Piermarini R. #66
Pagani P. #62
Ghezzani M. #22

3° Scuderie
4° Assoluto
2° Gentleman e 11° assoluto
16° Assoluto
5° Esordienti
14° Gentleman

Rosmoto S. Corse
Franco C. #2
Botti P. #15
Ghezzani M. #22
Cagnazzo F. #66
Serafini M. #79

1° Scuderie
2° Assoluto
2° Gentleman e 7° Assoluto
7° Gentleman
6° Esordineti
1° Esordineti


   Nasce la nuova SR 744


Nel 2006 nasce la SR 744 l'evoluzione radicale della SV 744. E' la prima moto costruita interamente nella Nostra Azienda. Nella SR della moto di serie praticamente rimangono solo i carter motore, il telaio è interamente costruito a mano utilizzando tubi in acciaio al cromo-molibdeno.

Da allora la moto è stata sottoposta ad un’evoluzione continua (ancora in atto...) fino a giungere all’attuale versione "R" moto che ha preso parte al Campionato Supertwins 2009 condotta da Gabriele Vetro.


Angelo Mammoli
Campionato STWs 2006

Cristiano Franco
Campionato Belga STWs 2006

Mattia Ghezzani
Campionato STWs 2007

Cristina Baio
Campionato STWs 2008

Vetro Gabriele
Campionato STWs 2009

Ezio Rosboch (ROS)
Test Lombardore 2009


ROSMOTO - Strada Lombardore 212, Leinì (TO) - Tel. 011-9978448, Cell. 340-6505659
E-mail ros@rosmoto.it Site: www.rosmoto.it